VI RACCONTO COME HO PERSO PESO

Mi avete scritto in tanti, tantissimi per sapere quale magia sta dietro alla mia perdita di peso, oggi vi racconto tutto.

Partiamo dall’inizio, intanto come ormai saprete ho sofferto per tanti di disturbi alimentari e per me stare a dieta è la cosa più difficile del mondo. Non è semplice spiegare il perchè a chi non ha mai vissuto questa malattia, ma c’è sempre la paura che la tua testa ritorni in quei meccanismi terribili che ti hanno rinchiusa nel tuo corpo per tanto tempo.

Quindi ho vissuto e sto vivendo tutto un po’ sul filo del rasoio, diciamo che è una bella camminata sul burrone ed ogni passo falso può farmi cadere.

Per questo ho messo delle regole prima di iniziare, per mantenermi in contatto con la realtà e affrontare tutto il viaggio in sicurezza, una sorta di sottilissima imbracatura che spero mi sostenga se dovessi mettere un piede fuori posto.

Intanto ho aspettato di essere pronta mentalmente e messo in conto subito che potenzialmente avrei potuto fallire e ho accettato la possibilità che potesse accadere, mi sono messa in contatto con la mia nutrizionista e la mia psicologa, ho deciso che non mi sarei mai pesata e mi sono imposta che non sarebbe stato solo un viaggio andata e ritorno, ma una lunga strada da percorrere tutta la vita.

Detto questo vi svelo il mio segreto. La bella notizia è che tutti possono farlo, la brutta notizia è che non c’è nessun segreto. Ci sono poche semplici regole e tanta determinazione.

Quindi nella pratica cosa ho fatto per perdere peso? Ve la faccio molto breve e facile (anche se non lo sarebbe) ho fatto un calcolo ponderato del mio consumo calorico e ho creato un deficit che mi permettesse di calare di peso, ma anche sopravvivere alla vita e agli allenamenti. Ho tenuto traccia dei macronutrienti e stabilito uno sgarro ogni 20 giorni per i primi 3 mesi più o meno.

Dopo circa 3 mesi circa ho diminuito il deficit calorico aumentando le calorie consumate e inserito uno sgarro a settimana, aumentando anche il numero degli allenamenti e l’intensità.

E’ chiaro che pretendere di fare quello che ho fatto io, nella stessa maniera in cui l’ho fatto io e pensare di avere il mio stesso risultato è impossibile, perchè siamo tutte persone diverse, con vite diverse e quindi bisogni nutrizionali differenti. E per questo non vi scriverò quante calorie consumavo e consumo e come ho diviso i miei macro.

La base da cui partire però è sempre sapere cosa si sta facendo e conoscere cosa serve al nostro corpo e in quali quantità, per questo se avete voglia di intraprendere un percorso come il mio, e non sapete da dove partire (come tutti), consultate un nutrizionista, informatevi su come lavora il corpo e imparate a conoscervi.

Considerate sempre che prendere una dieta di quelle che vedete online “10 kg in 2 settimane” o “niente carboidrati per un mese”, non è mai la scelta migliore. Primo perchè finite le due settimane o il mese cosa fate?! Tornate a mangiare come prima e il vostro corpo a breve tornerà a rispondere come prima. Secondo perchè non è salutare, soprattutto se fate sport, cavare macronutrienti al vostro organismo e stravolgere il vostro metabolismo.

Lo so … sarebbe stato più facile vi avessi dato una formula magica, ma purtroppo non esiste una pozione che vi faccia dimagrire, rimanere in salute e non sia impegnativa a livello fisico e mentale, ma se ci fosse c’è un ingrediente che non dovrebbe proprio mancare: la motivazione.

La motivazione e la determinazione sono la base di tutto. “Perchè lo sto facendo?” è la domanda fondamentale che vi dovreste fare quando iniziate a perdere la motivazione. Non ci sono motivazioni giuste o sbagliate; ci sono obbiettivi estetici, obbiettivi in termini di performance, obbiettivi in termini di salute etc… Io per esempio dopo l’infortunio alla spalla non mi potevo più permettere, e non mi posso tutt’ora permettere, di avere troppo peso addosso se voglio continuare ad allenarmi e migliorare nel mio sport.

Non pensate che basti allenarsi di più, ricordiamoci che l’allenamento fa il 30%, ma è l’alimentazione che fa il restante 70%. Le scuse devono diventare zero, il “per una volta cosa vuoi che sia” non può esistere, il stasera sgarro perchè mi sono allenata di più ve lo dovete dimenticare, anzi proprio perchè vi siete allenati di più allora il corpo deve recuperare al meglio e con i giusti nutrienti.

Sembra molto faticoso e probabilmente lo è, ma lo stare bene, l’allenarvi bene e il vedervi meglio sotto ogni aspetto, alla fine vi ripagherà di tutti gli sforzi fatti.